Snapchat, uno dei social più diffusi sopratutto tra i giovani, dichiara di avere perdite per 500 milioni ma si quoterà in borsa a marzo

I social media sono ormai lo strumento di comunicazione principale dei giovani, ma non solo.
Facebook e whatsup ma anche Snapchat. Per chi, pochissimi, non lo conoscesse si tratta di un app, nata nell’estate del 2001 con il nome di Picaboo, con la quale è possibile mandare foto e messaggi che dopo poco si distruggono.
Uno dei suoi fondatori è Evan Spiegel, 26 anni, che ha ricavato dalla sua idea circa due miliardi di dollari (alcuni sostengono che sia tra gli under 30 più ricchi del mondo).
Negli ultimi anni Snapchat ha avuto un enorme successo tanto da essere “corteggiato”, da Facebook che è arrivato ad offire circa 3 miliardi di dollari per assorbirla.
In questi giorni sono stati pubblicati gli ultimi dati finanziari dell’app, con una perdita di circa 500 milioni di dollari a fronte di circa 400 milioni di incassi, in vista della probabile quotazione in borsa, a marzo, con la quale cercherà di raccogliere circa 3 miliardi di dollari (la stessa cifra offerta da Facebook…)

 

Recent Posts

Leave a Comment