By
In Economia

Il progetto “NewsBrand” è basato sulle news verificate per eliminare, o limitare, il diffondersi di informazioni e notizie false

La lettura, o meglio la ricerca, di news, sono tra le attività principali che ogni cittadino compie, su diversi media, ogni giorno.
Cambiano i tempi, cambiano i media preferiti dalle persone, ma ciò che non cambia, e non cambierà mai, è la voglia delle persone di tenersi informati.
Il web, inutile negarlo, sta diventando il “media” più utilizzato per ricercare notizie ed informazioni di qualsiasi genere. Purtroppo, però, è molto facile incappare in informazioni imprecise o, addirittura, completa errate.
Per cercare di arginare il problema delle “bufale on line”, che spesso ha portato ad allarmismi o querele da parte di soggetti colpiti dalle “bufale”, è nato il progetto NewsBrand.
Il progetto, presentato ieri a Milano, è stato realizzato da GroupM con le concessionarie dei principali quotidiani nazionali Manzoni, Piemme, RCS Pubblicità e System24.

Ma in cosa consiste questo progetto?

L’obiettivo principale è quello di porre l’attenzione sull’evoluzione dei quotidiani e dei loro canali digitali che ogni giorno lavorano con professionalità per raccogliere e veicolare in maniera integrata (tra on e off line) notizie vere e verificate.
Questo modus operandi, secondo i gruppi editoriali che partecipano al progetto, appare l’unico modo per eliminare, o almeno limitare, i contenuti on line che non sono frutto di un lavoro di raccolta e di verifica professionale ma fungono solo da aggregatori di pubblicità a tutto discapito del valore delle informazioni veicolate.
Durante la presentazioni si è sottolineato, e consigliato, di informarsi on line solo su siti professionali e di verificare le fonti delle informazioni raccolte per non incappare nelle più classiche delle “bufale”.

Recent Posts

Leave a Comment